Hortense de Beauharnais
+ 18

Immagini di dominio pubblico

Scheda Opera

Hortense de Beauharnais regina d’Olanda, figliastra e cognata di Napoleone

Aggiornato il 30.06.2024

Introduzione

Hortense de Beauharnais (1783-1837) fu regina consorte d’Olanda. Era la figliastra dell’imperatore Napoleone I in quanto figlia della sua prima moglie, Joséphine de Beauharnais.

Hortense sposò il fratello di Napoleone I, Luigi Bonaparte, che era stato nominato re d’Olanda, diventando così cognata del patrigno.

Fu la madre di colui che divenne Napoleone III, imperatore dei francesi. Ebbe anche un figlio illegittimo, Carlo, duca di Morny, dal suo amante, il conte di Flahaut.

Una bambina in mezzo alla Rivoluzione

Hortense de Beauharnais nacque prematuramente il 10 aprile 1783 come figlia di Alexandre, visconte di Beauharnais, e di Joséphine Tascher de la Pagerie (avevano già avuto un figlio maschio, Eugéne, nel 1781). Mentre la maggior parte dei figli si incolpa erroneamente del fallimento del matrimonio dei genitori, nel caso di Hortense fu assolutamente vero. I suoi genitori usarono la sua nascita prematura come pretesto per separarsi.

Quando la madre scrisse al padre per informarlo della nascita, lui le rispose: “Se ti avessi scritto durante il mio primo attacco d’ira, la mia penna avrebbe bruciato la carta“. La accusò di adulterio e, pur non credendo che Hortense fosse sua figlia, si sentì costretto ad accettarlo. Scrisse con rabbia: “È sangue alieno quello che scorre nelle sue vene“. Non sappiamo con certezza se Hortense sia mai stata a conoscenza di questi eventi, poiché scrisse sempre di suo padre con rispetto

Alla fine di novembre, Joséphine si reca in un convento dove rimarrà per 15 mesi, mentre le tensioni politiche a Parigi aumentano. A dicembre il divorzio fu perfezionato e finalmente Alexandre si calmò. Nel marzo 1785, riconobbe ufficialmente Hortense come sua figlia.

All’età di 4 anni, Hortense si unì alla madre nei suoi viaggi verso la Martinica, sua terra natale. Tornarono in Francia in mezzo a palazzi vuoti: la Rivoluzione francese era iniziata.

Il padre decise che Hortense dovesse andare in collegio, poiché la sua istruzione era stata fino ad allora molto carente. La madre le faceva visita ogni volta che poteva. Tuttavia, Hortense si sentiva sola e, a soli 7 anni, era la bambina più piccola del collegio. Due anni dopo, la madre la ritirò rapidamente dal collegio. Parigi aveva raggiunto il suo punto di rottura. Nel gennaio 1793, il re Luigi XVI fu giustiziato, seguito da Maria Antonietta nell’ottobre 1793.

Il padre di Hortense fu arrestato e Joséphine fece di tutto per farlo rilasciare. In aprile, anche lei fu arrestata. Hortense scrisse: “È stata la prima grande tristezza della mia vita“. Ogni giorno, Hortense e suo fratello andavano in prigione con vestiti puliti e lettere. Il 22 luglio 1794 il padre fu giustiziato e la sua ultima lettera fu indirizzata a Joséphine. La madre sfuggì alla ghigliottina quando il regno del terrore ebbe improvvisamente fine.

La giovane Hortense tornò a scuola. Frequenta l’Institution Nationale de Saint-Germain, una rinomata scuola femminile diretta nientemeno che da Madame Campan, ex prima dama di compagnia della sfortunata Maria Antonietta. All’interno dell’abbraccio protettivo della scuola femminile, Hortense scoprì un’atmosfera ricca di fiducia e di incoraggiamento. La stessa Madame Campan non poté fare a meno di tessere le sue lodi, dichiarando: “Lei [la de Beauharnais] è la dodicenne più incantevole che abbia mai avuto il privilegio di istruire“. Hortense eccelleva a scuola.

Figliastra di Napoleone

Un giorno la madre le presentò un generale che aveva conosciuto: si chiamava Napoleone Bonaparte. Hortense era inizialmente ostile al suo futuro patrigno. “Se nostra madre lo sposa, non ci amerà più tanto!”, scrisse al fratello.

Joséphine sposò Napoleone il 9 marzo 1796. Durante le conquiste di Napoleone nell’esercito, Hortense rimase per lo più a scuola. Era tenuta al corrente dalla direttrice, alla quale confidava: “Signora, non rimprovero le sue conquiste, ma non gli perdonerò mai di aver conquistato il cuore di mia madre“.

Hortense aveva tutte le ragioni per essere scettica nei confronti del suo nuovo patrigno. A poco a poco, però, sviluppò una profonda ammirazione per Napoleone, che la ricoprì di quell’affetto che suo padre (o sua madre, se è per questo) non avevano mai avuto. Nelle sue memorie riporta addirittura che lui le dimostrava “tutto l’affetto di un padre“.

Hortense lasciò la scuola e visse con la madre a Parigi, quando il patrigno divenne console. I pensieri di Joséphine erano rivolti a trovare il giusto sposo per Hortense. Il matrimonio con Napoleone, infatti, non aveva prodotto figli ma se Hortense avesse sposato il fratello di Napoleone, Luigi, le loro linee di sangue sarebbero state ancora unite. Tuttavia, i due non avevano mai mostrato la minima inclinazione al matrimonio. Hortense era stupita e le ci vollero otto giorni per decidere di sposarlo ma il destino di sua madre dipendeva da questo.

Luigi e Hortense si sposarono il 4 gennaio 1802.

Principessa Luigi Bonaparte

Il loro matrimonio era iniziato bene, o almeno così sembrava. Tuttavia, il comportamento di Luigi era imprevedibile e questo la rendeva insicura. Il loro primo figlio nacque il 10 ottobre 1802 tra le grida di “Ecco il nostro Delfino!“.

Per la prima volta, Luigi e Hortense erano in sintonia: non contava più nulla. La loro felicità iniziale si trasformò presto in problemi coniugali e Luigi la accusò spesso di non amarlo. Il suo umore era molto altalenante a causa di diversi dolori fisici.

All’inizio del 1804, Hortense si rese conto di aspettare di nuovo un bambino. Nello stesso anno, Napoleone divenne Imperatore dei Francesi e Hortense divenne Sua Altezza Imperiale la Principessa Luigi Bonaparte. L’11 ottobre diede alla luce il suo secondo figlio.

Regina d’Olanda

Napoleone aveva dei progetti per suo fratello. Egli sarebbe diventato Re d’Olanda e lei sarebbe stata la sua Regina. L’Olanda sarebbe stata un regno indipendente, anche se sotto la supervisione della Francia. Il 15 giugno 1806, la nuova regina lasciò la Francia con il marito.

Una volta arrivata in Olanda, Hortense de Beauharnais si trovò piacevolmente sorpresa. Il pubblico olandese accolse calorosamente il suo arrivo e la ricoprì di affetto. Si adattò al meglio alla vita nei Paesi Bassi, affezionandosi sinceramente al Paese. Partecipò alle celebrazioni e alle cerimonie ufficiali, frequentò i mercati e fece spese ingenti.

In realtà, la sua popolarità presso il popolo fece ulteriormente infuriare il marito.

La morte del piccolo Napoleone Luigi

Non è un segreto che Hortense de Beauharnais detestasse il marito, ma rispettava il patrigno/cognato. Ben presto, in Europa cominciarono a circolare sordide voci. Tutti non poterono fare a meno di notare che l’imperatore Napoleone elargiva affetto e attenzioni al figlio maggiore di Hortense, Napoleone Luigi Carlo Bonaparte. Il piccolo era anche al centro dell’attenzione di Hortense. Lei adorava il bambino e anche il suo presunto zio.

I cortigiani di tutta Europa cominciarono a ipotizzare che il primogenito di Hortense fosse in realtà il figlio dell’amore di una relazione segretissima tra lei e il patrigno/cognato.

Le voci si fecero strada solo quando, a soli quattro anni, Napoleone Luigi Carlo Bonaparte morì. L’imperatore Napoleone ignorò gli altri figli di Hortense, alimentando le speculazioni sul fatto che il presunto erede fosse in realtà suo figlio.

La tragedia, avvenuta nella primavera del 1807, lascia Hortense sconvolta. Chiede una ciocca dei suoi capelli e lascia l’Olanda per Bruxelles, dove si incontrò con la madre. Viaggiarono ancora più a sud, fino ai Pirenei e alla Spagna. Non sarebbe tornata in Olanda fino ad agosto.

La fine del Regno d’Olanda e del matrimonio di Hortense

Napoleone tentò disperatamente di salvare il matrimonio di Hortense con il fratello minore. In una famosa missiva del 2 maggio 1807, cercò invano di esaltare le virtù di entrambe le parti: “Hai una moglie eccellente e la rendi infelice“, ammoniva Luigi. “Può avere idee insolite, ma Luigi è un uomo giusto“, ricordò a Hortense.

Il dovere la chiama e, per la prima volta dopo due anni, lei e Luigi dividono il letto. Rimane incinta per la terza volta e il 20 aprile 1808 nacque un terzo figlio.

L’anno successivo, Napoleone divorziò dalla madre di Hortense per generare un erede con una nuova moglie, Maria Luisa d’Austria. Durante la cerimonia nuziale, Hortense tenne il suo strascico.

Poi, con la stessa rapidità con cui era stato creato, il Regno d’Olanda venne disfatto. Napoleone non era soddisfatto del governo del fratello e gli aveva detto con rabbia: “Divorerò l’Olanda intera!

Poco prima della fine del Regno, Hortense tornò in Olanda ma non fu accolta bene. A Palazzo Loo, scrisse al marito una lettera di addio. Considerava il suo matrimonio finito. L’Olanda le aveva riservato solo brutti ricordi.

Il 1° luglio 1810, Hortense lasciò l’Olanda e si diresse in Francia. Quello stesso giorno, il marito abdicò al trono in favore del figlio maggiore sopravvissuto, che divenne re Luigi II. Il suo regno durò solo 12 giorni. Il 13 luglio 1810, Napoleone decretò: “L’Olanda si è riunita all’Impero“.

L’amante di Charles de Flahaut

Hortense era ora libera di rispondere al fascino di Charles de Flahaut, un uomo che ammirava da tempo. Quando lo incontrò, si trovava a Ginevra e faceva parte dell’entourage di sua madre. Non poterono stare insieme a lungo perché i doveri militari di lui lo obbligavano a recarsi a Parigi. Hortense si riposò prima di intraprendere il viaggio verso Parigi, dove arrivò alla fine di settembre del 1810. Una volta lì, vide anche i suoi due figli.

Hortense si stabilì a Parigi in una casa con poco personale al seguito. Le era stato concesso di mantenere il suo titolo.

Si abituò a una routine che consisteva nel disegnare e dipingere al mattino, pranzare con la dama di compagnia e cavalcare o passeggiare nel pomeriggio.

Charles de Flahaut divenne un visitatore regolare e i due iniziarono un’appassionata storia d’amore, ma all’inizio del 1811 Hortense cominciò a temere di essere rimasta incinta del suo amante

Il figlio illegittimo

Hortense de Beauharnais escogitò un piano per dare alla luce il suo figlio illegittimo in segreto. Con l’aiuto del fratello Eugène e della madre di Flahaut, si rifugiò in una locanda vicino al lago di Ginevra, in Svizzera, dove avrebbe potuto portare a termine la gravidanza e partorire in segreto. Doveva solo mantenere un profilo basso.

La regina d’Olanda (solo di nome) usò la scusa della cattiva salute per rimanere sul lago di Ginevra. Sebbene non fosse tecnicamente una bugia, non era nemmeno vera.

E rischiò di far saltare la sua copertura!

Quando Napoleone ebbe un figlio dalla sua nuova moglie, invitò Hortense de Beauharnais al battesimo. Hortense, allora incinta di sei mesi del suo figlio segreto, sapeva di non poter rifiutare l’invito dell’imperatore, anche perché Napoleone l’aveva nominata madrina del bambino. Ma non poteva certo presentarsi incinta!

Presa tra l’incudine e il martello, Hortense dovette pensare in fretta. Con una mossa coraggiosa, decise di partecipare al battesimo ma sotto una sorta di travestimento. Utilizzando alcune opzioni di abbigliamento intelligenti, riuscì a nascondere il pancione dagli occhi indiscreti dei reali europei.

Grazie al fratello e alla madre di Flahaut, il 21 ottobre 1811 Hortense riuscì a dare alla luce un figlio sano in totale segretezza. Il bambino, Carlo Augusto Luigi Giuseppe, diventerà in seguito il Duca di Morny quando il fratellastro Napoleone III ne legittimerà la nascita.

Hortense partì per Dieppe per riprendersi. Lì incontrò Madame de Souza, che prese in custodia il giovane Charles.

Poi arrivò una tragedia ancora più grande: la madre morì il 29 maggio 1814 all’età di 50 anni. Hortense era presente quando Joséphine morì e dovette essere trasportata nella stanza accanto.

La fine dell’era napoleonica

Poco dopo, Napoleone fu sconfitto e l’era napoleonica si concluse.

Hortense si recò a est dal fratello e dalla sua famiglia. Egli aveva sposato la principessa Augusta di Baviera nel 1806.

Ben presto si rimise in viaggio e tornò in Francia per affrontare il re Borbone appena restaurato. Egli le permise di rimanere in Francia con i suoi due figli, ma era strettamente sorvegliata dalla polizia segreta.

La fuga di Napoleone dall’Elba fu breve ed egli la accolse freddamente. La accusò di essere rimasta in Francia durante il suo esilio. Napoleone fu nuovamente sconfitto nella battaglia di Waterloo nel giugno 1815 e fu esiliato a Sant’Elena, dove morì.

L’esilio e la fine della sua storia d’amore

Il 17 luglio Hortense ricevette l’ordine di lasciare la Francia entro 24 ore. Ad Aix-en-Savoie si ricongiunse con Charles, che però poté restare solo un giorno. In ottobre, un avvocato parigino venne a richiedere il figlio maggiore. Le fu detto di portare il ragazzo a Roma. Hortense e il figlio minore rimasero a casa. Infine, le fu concesso di rimanere a Baden, almeno per un primo momento.

Alla fine del 1816, la sua relazione con Charles de Flahaut finì una volta per tutte. Hortense non era mai stata il suo unico amore e nel 1817 Charles sposò Margaret Mercer Elphinstone.

Hortense acquistò una casa sul versante svizzero del Bodensee, lo Château Arenenberg. Finalmente poteva sistemarsi.

Hortense compositrice

Nel corso della sua vita, Hortense de Beauharnais ha sempre dimostrato un grande talento per la composizione musicale. Se non fosse stata così impegnata a trovare l’amore e a tenersi lontana dalla politica, sarebbe potuta diventare una compositrice famosa. Tuttavia, nel suo esilio trovò conforto nel comporre, scrivere, disegnare e dipingere.

L’arte, a quanto pare, era il suo unico vero amore.

Durante il suo esilio, Hortense compose in modo prolifico. Anche se non aveva mai ricevuto un’istruzione formale, mostrava chiaramente un talento raro. Hortense ospitò personalità artistiche del calibro di Franz Liszt, Alexandre Dumas e Lord Byron, che espressero il loro stupore per le sue doti musicali.

L’ultimo viaggio a Parigi

Hortense trascorreva le giornate scrivendo le sue memorie e scriveva molto sul patrigno. La morte del fratello, avvenuta nel 1824, la colpì duramente. Il figlio maggiore sposò una cugina, Carlotta Bonaparte, ma morì all’età di 26 anni nel 1831.

All’inizio degli anni Trenta del XIX secolo, Hortense poté finalmente tornare a Parigi. Disse al Re che stavano andando in Inghilterra e lui le presentò la moglie, Maria Amalia di Borbone-Due Sicilie e la sorella, Adelaide di Borbone-Orléans .

Si presume che, mentre Hortense sedeva con Luigi Filippo, suo figlio Luigi Napoleone si incontrasse con i cospiratori bonapartisti per rovesciare la corona. Purtroppo, Luigi Filippo e i suoi sostenitori scoprirono il terribile complotto e incolparono sia Hortense che suo figlio dell’intera faccenda. Per fortuna, la sua testa fu salva ma le ordinarono di lasciare la Francia e, questa volta, di non tornare mai più.

Ultimi anni e morte

Bandita per sempre dalla sua amata Parigi, Hortense de Beauharnais si stabilì definitivamente in Svizzera. Trasformò la sua casa, lo Château Arenenberg, in “un centro per l’arte e la cultura francese“.

Negli ultimi anni di vita, piange i figli e vive solo per Luigi.

La sua salute cominciò a peggiorare, anche se non vi prestò particolare attenzione.

Morì a causa del cancro, il 5 ottobre 1837, all’età di cinquantaquattro anni. È sepolta accanto alla madre Joséphine nella chiesa di Saint-Pierre-Saint-Paul a Rueil-Malmaison.

Come giusto tributo, quando suo figlio Napoleone III salì al trono, egli fece della composizione di sua madre, “Partant pour la Syrie“, l’inno nazionale della Francia.

Le parole di Napoleone

«Mio fratello Luigi […]» scrive l’Imperatore nei suoi racconti nel Memoriale di Sant’Elena «[…] era un giovane sedotto dalle massime filosofiche di Rousseau. Non aveva potuto vivere in pace con Hortense che per brevissimo tempo; una eccessiva rigorosità, da parte sua, molta leggerezza dal lato di Hortense, furono le cause delle diatribe coniugali e dei loro reciproci torti. Ma si può affermare che la loro unione fu un nodo d’amore: si vollero l’un l’altro. Questo matrimonio però fu programmato e voluto da Giuseppina che faceva i suoi calcoli […]»

«L’affettuosa, buona, generosa Hortense ebbe dei torti verso mio fratello. Le voglio bene, mi ricambia, ma ciò non deve far vello alla verità. Luigi l’amava assai, per quanto esso sia bizzarro e insopportabile, […] se essa avesse saputo vincersi, e modificare il suo carattere […] Luigi non sarebbe fuggito da lei per andare ad Amsterdam; io poi non sarei stato costretto a quell’atto che ebbe ripercussioni dannose in Europa: e cioè ad unire alla Francia il regno di Olanda. Gli eventi avrebbero avuto così una diversa direzione».

 

Suggerimenti di lettura

Queen Hortense: A Life Picture of the Napoleonic Era” di L. Mühlbach , 2022  

Margaret De Flahaut (1788-1867): A Scotswoman at the French Court” di Diana Scarisbrick, 2019

Josephine: The Empress and Her Children“, di Nina Epton, 1975

#commissioniguadagnate

condividi
condividi
Torna in cima
×
Accedi
Registrati

Effettua il login


Registrati gratuitamente

Potrai leggere gli articoli del blog senza limitazioni, accedere ai contenuti premium di un gruppo Facebook esclusivo e ricevere newsletter personalizzate