Teresa di Sassonia-Hildburghausen
+ 16

Immagini di dominio pubblico

Scheda Opera

La regina Teresa di Baviera e la nascita dell’Oktoberfest

Aggiornato il 10.07.2024

Introduzione

Teresa di Sassonia-Hildburghausen (1792 – 1854) era figlia di Federico, duca di Sassonia-Altenburg, e della duchessa Carlotta di Meclemburgo-Strelitz. Fu regina di Baviera e moglie del re Ludovico I.

L’Oktoberfest fu creata in onore del loro matrimonio e viene tuttora celebrata ogni anno sulla Theresienwiese a Monaco.

Teresa era molto popolare tra i bavaresi e fortemente coinvolta nella politica del marito, oltre che in diverse opere di beneficenza.

Si dimostrò tenace e paziente in occasione delle diverse relazioni sentimentali del re ma il loro rapporto fu, comunque, di grande rispetto e amore reciproco.

Punti chiave

In quest’articolo sulla figura di Teresa di Sassonia-Hildburghausen, regina consorte di Baviera, analizzeremo i seguenti punti chiave:

  • Il principe ereditario Ludovico di Baviera scelse di prendere in moglie Teresa di Sassonia-Hildburghausen per evitare il matrimonio di quest’ultima con Napoleone. Ludovico aveva in mente il matrimonio a cui era stata costretta la sorella Augusta Amalia con Eugène Beauharnais.
  • I festeggiamenti per le nozze tra Ludovico e Teresa nel 1810 furono spettacolari e durarono 5 giorni. Vennero ripetuti l’anno successivo fino a diventare l’ancora celebre Oktoberfest, che si tiene nella zona chiamata Theresienwiese in onore dell’allora principessa ereditaria.
  • Teresa mantenne la propria fede protestante e divenne regina consorte nel 1825. Notevole fu l’influenza politica sul marito e l’impegno sociale nei confronti dei più bisognosi, che la resero a tutti gli effetti l’immagine ideale di regina, moglie e madre.
  • Teresa e Ludovico I di Baviera ebbero nove figli. Due di loro diventeranno sovrani bavaresi e uno diventerà re di Grecia.
  • Numerose furono le relazioni sentimentali di Ludovico I che Teresa deplorava ma tollerava. Nel frattempo, l’insoddisfazione nei confronti del re cresceva da anni tra la popolazione, sia per la sua amoralità sia per l’aumento continuo dei prezzi.
  • Nel 1846, il re si innamorò della ballerina Lola Montez, la cui sete di potere era evidente. Ci furono violente rivolte e Teresa riuscì a convincere il marito ad allontanare l’amante e abdicare nei confronti del figlio.
  • Quando Ludovico abdicò nel 1848, anche Teresa perse il suo status di regina e visse gli ultimi anni ritirata dalla vita pubblica, morendo infine di colera nel 1854.

La scelta del principe Ludovico di Baviera

Nel 1809, Teresa era nella lista delle possibili spose di Napoleone ma il principe ereditario bavarese Ludovico arrivò prima, scegliendola come moglie proprio per evitare il temuto matrimonio voluto dall’imperatore francese. Ludovico aveva senza dubbio in mente la sorella Augusta Amalia come esempio di pericolo. La donna fu costretta a sposare il figliastro di Napoleone, Eugène Beauharnais, viceré d’Italia. Anche se questo matrimonio fu felice, l’avversione di Ludovico per Napoleone e per tutto ciò che era francese arrivò a tal punto che non era disposto a cedere a un matrimonio combinato dall’imperatore.

Il re Massimiliano I Giuseppe si rallegrò quando l’erede al trono decise a favore di Teresa di Sassonia-Hildburghausen: “Certo“, scrisse il re al figlio, “ella non potrà portare molto denaro e proprietà nel matrimonio, ma le piccole dimensioni del Paese costretto nella Confederazione del Reno rendono il matrimonio politicamente inoppugnabile“.

Matrimonio e nascita dell’Oktoberfest

La sera del 12 ottobre 1810 Teresa e Ludovico si sposarono nella cappella di corte di Monaco, celebrando il primo matrimonio reale a Monaco dal 1722. Il Regno di Baviera aveva allora solo 4 anni e mostrò il suo splendore durante una cerimonia di celebrazione del matrimonio di 5 giorni. I festeggiamenti iniziarono il giorno successivo nella Max-Joseph-Platz. La città era illuminata e vi si tennero una festa popolare, un’opera gratuita, uno spettacolo teatrale, un ballo e tanta musica.

L’ultimo giorno di festa, il 17 ottobre, la Cavalleria della Guardia Nazionale organizzò una grande corsa di cavalli sulla piazza davanti alla Sendlinger Tor. I novelli sposi furono accolti da nove coppie di contadini dei nuovi distretti amministrativi del Regno Bavarese vestiti con abiti tradizionali. Teresa indossava un abito realizzato con i colori nazionali bavaresi e la zona venne poi chiamata Theresienwiese in onore della principessa ereditaria. Proprio in virtù della sua popolarità tra la gente, i festeggiamenti furono ripetuti l’anno successivo fino a diventare l’ancora celebre Oktoberfest.

I festeggiamenti non si tennero solo a Monaco, ma anche in altre città del regno, ad esempio a Salisburgo, Bamberga e Ansbach. Queste occasioni di festa, come i numerosi viaggi che il principe ereditario e poi la coppia reale fecero in tutto il Paese, servivano anche a rafforzare il legame tra il popolo e la dinastia.

Una principessa protestante alla corte di Baviera

Un problema iniziale fu l’appartenenza religiosa della sposa: come la futura suocera, la regina bavarese Carolina, Teresa era protestante e tale rimase. Ella non cederà anche quando Luigi minacciò di annullare il matrimonio: quando le chiese di abbandonare la sua fede protestante e di diventare cattolica. Nonostante i ripetuti tentativi del marito, Teresa rimase fedele alla sua fede fino alla morte.

Di fatto, la sua scelta la rendeva anche una figura di integrazione per i molti sudditi protestanti che erano giunti in Baviera solo pochi anni prima con i territori della Franconia e della Svevia. Questo sembra quasi essere diventato un principio nella dinastia regnante bavarese: le prime tre regine bavaresi furono protestanti.

La regina Teresa di Baviera – influenza politica

Il principe ereditario e la principessa vissero inizialmente a Innsbruck e Salisburgo, poiché Ludovico era stato nominato governatore generale dei distretti dell’Inn e del Salzach. Quando Salisburgo tornò sotto il controllo austriaco nel 1816, si stabilirono ad Aschaffenburg e poi a Würzburg. Solo quando Ludovico succedette al padre, nell’ottobre 1825, la famiglia si trasferì a Monaco.

Teresa divenne regina nel 1825 e collaborò spesso nell’amministrazione del regno di Baviera, soprattutto quando Ludovico era assente da Monaco durante i suoi numerosi viaggi, ed ebbe una certa influenza politica. Teresa informava il marito sugli eventi di corte e del paese. Credeva che il re dovesse sapere tutto quello che succedeva nella sua patria.

La regina teneva informato anche il figlio Ottone sugli eventi politici che accadevano in patria. Quando Ottone fu eletto re di Grecia nel 1832, esortò il marito a consultarlo e ascoltarlo. Inoltre, mise in guardia Ludovico I dallo studioso Friedrich Thiersch che considerava troppo liberale, e dal pittore Karl Wilhelm von Heydeck, che considerava impopolare in Grecia.

Negli archivi di casa dei Wittelbach sono conservate molte lettere politiche scritte dalla regina a Ludovico I, il cui contenuto deve essere ancora attentamente valutato.

Figli di Teresa e Ludovico di Baviera

Teresa ebbe da Ludovico nove figli (cinque femmine e quattro maschi), di cui solo una, Teodolinda, morì in tenera età. Tutti gli altri vissero fino all’età adulta.

Due di loro diventeranno sovrani bavaresi: l’erede al trono Massimiliano (Massimiliano II Giuseppe dal 1848) nacque a Monaco nel 1811, mentre suo fratello Luitpold, nato nel 1821, divenne principe reggente di Baviera nel 1886. Regnò per conto del nipote Ottone, impossibilitato a regnare. Un altro figlio di Teresa e Ludovico, Ottone, nato nel 1815, regnò come re di Grecia dal 1832 al 1862 (Ottone sposò la Duchessa Amalia di Oldenburg nel 1836).

La regina Teresa di Baviera – impegno sociale

Teresa era molto popolare in Baviera ed era considerata un’immagine ideale di regina, moglie e madre. Ciò è evidente anche nell’intitolazione di strade, piazze, scuole, ponti, edifici e luoghi al suo nome.

Nel 1827, la regina fondò l'”Ordine di Teresa“, che aveva “lo scopo di concedere a un numero fisso di figlie nubili della nobiltà una pensione annuale per migliorare le loro condizioni economiche, oltre a un premio d’onore“. In concreto, ciò significava che a ciascuna delle dodici donne veniva assegnata una somma annua di 300 fiorini. Si trattava dell’ordine femminile più illustre della Baviera e fu sciolto solo nel 1986.

Teresa fu coinvolta in un gran numero di organizzazioni caritatevoli per le vedove, gli orfani e i poveri. Ella vedeva il suo compito principale nell’impegno sociale.

Assunse anche vari protettorati di istituzioni sociali, come ad esempio i “centri di assistenza ai bambini” gestiti dalla contessa ungherese Korompa, dove i bambini di famiglie povere venivano accolti e istruiti e potevano anche imparare le basi della lettura e della scrittura. Teresa insistette affinché i bambini di entrambe le confessioni cristiane fossero accettati.

Si occupò delle numerose petizioni dei cittadini e partecipò a concerti di beneficenza, per i quali non solo sensibilizzò l’opinione pubblica con una donazione ma soprattutto con la sua partecipazione come Regina, contribuendo così a raccogliere maggiori entrate.

Come si legge in molte lettere di Teresa, la regina aveva un grande senso del dovere, dolcezza, modestia: questi erano per lei i pilastri di una vita virtuosa che le donne dovevano condurre.

La cattiva reputazione di Ludovico I di Baviera

Il rapporto tra Teresa e Ludovico fu caratterizzato da amore e rispetto reciproci, nonostante le frequenti scappatelle dell’erede al trono e poi re. Teresa soffriva ma tollerava la situazione. Non si trattenne, tuttavia, dal manifestare la sua disapprovazione in modo discreto; nel 1831, lasciò la città durante una delle relazioni amorose del marito e rifiutò rigorosamente di frequentare le amanti.

D’altra parte, l’insoddisfazione nei confronti del re cresceva da anni tra la popolazione. Mentre Ludovico spendeva somme spaventose per l’acquisto di opere d’arte antiche, per la costruzione di edifici prestigiosi e per le sue amanti, imponeva rigide norme di austerità in tutti gli altri settori e il prezzo dei generi alimentari veniva ripetutamente e drasticamente aumentato.

La reputazione personale del re era ai minimi storici: un re della Baviera cattolica che fingeva di essere pio ma calpestava tutti i precetti morali, che umiliava la moglie e il cui comportamento diventava uno scandalo in tutta Europa e oltre – il popolo non voleva più un re così.

La relazione con Lola Montez

Alla fine del 1846, Ludovico si innamorò della ballerina Lola Montez, che fece diventare contessa pretendendo che Teresa organizzasse un ricevimento in suo onore. Ma il piano di Lola andava oltre: “Lei (Teresa) è regina, ma io comando“. Ed è così che Lola si comportò. Provocava, ignorava le leggi e la faceva franca, mentre chi protestava veniva punito.

A Teresa fu persino consigliato dalla Chiesa di divorziare ma per lei era fuori discussione. Invece, rifiutò fermamente di ricevere Lola e fece anche resistenza passiva, lottando con i mezzi che la sua posizione di regina le consentiva. Boicottò gli eventi, espose deliberatamente Ludovico all’imbarazzo e trascinò con sé il resto della società

Dopo un ulteriore aumento dei prezzi nel febbraio 1848 e la rivelazione del vanto di Lola: “Ci sono solo due occhi tra me e il trono“, unito alle minacce di morte contro la regina, si verificarono le più violente rivolte fino ad allora avvenute. Il popolo chiede l’espulsione di Lola, Ludovico fa schierare i soldati a Monaco e lo scontro sanguinoso sembra inevitabile. Teresa decise allora di affrontare direttamente il marito.

Abdicazione di Ludovico I di Baviera

La sera stessa, Ludovico scrisse a Lola che doveva lasciare il Paese. La regina aveva “salvato il suo Paese da una grande catastrofe“, scrisse l’ambasciatore prussiano.  Poche settimane dopo, Ludovico si dimise in favore del figlio.

Quando il marito abdicò, Teresa perse il suo status di regina ma così scrisse al figlio Ottone nel 1848: “Non è la corona a cui il mio cuore è attaccato,ma al di sopra di tutte le definizioni, il nome di Madre della Patria mi era caro, beato era il sentimento di essere la madre di un popolo con cui tutto il mio cuore è cresciuto insieme“.

Morte di Teresa di Baviera

Teresa trascorse gli ultimi anni ritirata dagli occhi del pubblico, circondata da figli e nipoti.

Morì di colera a Monaco il 26 ottobre 1854.

Il marito Ludovico I di Baviera scrivendo a suo figlio Ottone, scrisse così: «Caro Ottone, hai perso la migliore delle madri ed io la migliore delle spose! […] Era in piena forma appena 12 ore prima ed adesso è morta! […] Grazie alla sua esistenza devota, la sua morte è stata dolce come la sua vita, si è addormentata senza nessun dolore […] dopo 44 anni di vita insieme e sempre di giorno in giorno adorabile»

Nel primo anniversario della sua morte, il re scrisse il sonettoAlla mia Teresa illuminata”. Alla nuora Amalia, scrisse: «Ho perso il trono, […] genitori, e fratelli e sorella, ma niente è comparabile alla perdita della mia sposa!»

condividi
condividi
Torna in cima
×
Accedi
Registrati

Effettua il login


Registrati gratuitamente

Potrai leggere gli articoli del blog senza limitazioni, accedere ai contenuti premium di un gruppo Facebook esclusivo e ricevere newsletter personalizzate